Fiori d’acacia

Un racconto di Marina Priolo.

Una tra le prime virtù di una buona cuoca in cucina è ovviamente l’assoluta pulizia e igiene; ma un’altra virtù di fondamentale importanza è l’utilizzo di tutte le parti delle verdure, delle carni, di ogni ingrediente senza sprecare nulla. E poi l’aggiunta di una buona dose di fantasia che di sicuro non guasta.

Per esempio con la punta o la coda degli arrosti di carne

si possono preparare i ripieni delle paste come gli agnolotti o i tortellini, oppure con i pezzettini delle verdure avanzati si possono realizzare dei delicati flan o dei brodi saporiti e, di conseguenza, i brodi possono servire come base per risotti, zuppe o per preparare qualche salsa. Ritrovando quegli antichi sapori che stimolano la nostra memoria, quei sapori unici e straordinari delle nostre tradizioni contadine, sapori che sono meravigliosi perché non hanno nulla dei prodotti industriali: senza nulla togliere a tali preparati.

E’ per questo che una buona cuoca

può riuscire a realizzare piatti o stuzzichini, da preparare velocemente, con ciò che la natura ci dona. Semplici crostini fatti di solo pane raffermo, tostati per renderli croccanti e stuzzicanti; magari spalmati con aglio e pomodoro fresco tagliato a pezzettini e conditi con un pò di buon olio di oliva extra vergine e qualche foglia di basilico. Oppure impanare e friggere qualche foglia di salvia o di fiori di sambuco o di acacia.

Come già detto quello che occorre è solo una buona dose di originalità e fantasia.

E allora oggi vi suggerisco una semplicissima ricetta, economica e di sicuro effetto che possiamo realizzare in primavera quando la natura si colora di fiori meravigliosi e di profumi inebrianti: le frittelle di fiori d’acacia.

Ingredienti per 4 persone:

20 rametti di fiori

1 dl di Rhum

2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di farina bianca tipo 00

15 cl di olio per friggere

Preparazione:

Lavare e asciugare accuratamente i rametti dei fiori, porli a macerare nel Rhum con lo zucchero affinché si aromatizzino bene (all’incirca 1 ora). Fate sgocciolare e tamponateli con una salvietta, infarinateli e fateli friggere. Sono ottimi come dessert e vanno serviti ben caldi magari accompagnati da una crema contadina alle foglie di menta che vi suggerisco con estremo piacere.

Ingredienti per 4 persone:

4 tuorli d’uovo

125 gr di zucchero

100 ml di acqua

1 cucchiaio di farina bianca tipo 00

500 cc di latte

10 foglie di menta ben lavate

Preparazione:

Far caramellare in un tegame lo zucchero con 50 ml di acqua senza rimestare. Quando è ben dorato e tende al color nocciola toglierlo dal fuoco, aggiungere l’acqua fredda restante e rimestare bene fino a ottenere un caramello morbido e fluido. A parte fate bollire il latte. Prendere il tegame contenente il caramello e unire i tuorli, la farina le foglie di menta asciugate e il latte caldo bollito in precedenza mescolando il tutto adagio, adagio sul fuoco basso finché la crema raggiunga la densità voluta.

I nostri fiori

si possono servire anche come stuzzichino con la stessa preparazione ma salandoli dopo la cottura.

Open chat